Sistema di acclimatazione a goccia per pesci tropicali

Informazioni su come ambientare correttamente i vostri pesci tropicali d’acqua dolce in acquario con il sistema di acclimatazione a goccia.

Si necessita di un grande acquario per gli Astronotus ocellatus

Se siete dei neofita di questo hobby, e state per iniziare ad allestire la vostra prima vasca o se siete dei veterani dell’acquariofilia, non vi è nulla di più straziante dopo un acquisto di pesci tropicali d’acqua dolce, vederli morire non appena li si aggiunge in acquario.

L’acclimatazione dei pesci tropicali d’acqua dolce

In alcuni casi, non c’è niente che si possa fare nel caso descritto prima. Un pesce si può semplicemente ammalare o può soccombere allo stress del trasporto. In molti casi, tuttavia, è un fallimento da parte dell’acquariofilo perché non si è riusciti ad acclimatare perfettamente i propri pesci tropicali. E ‘fondamentale acclimatare correttamente i nuovi pesci per il vostro acquario, non farlo nella giusta maniera può portare ad uno shock per i pesci o nelle peggiori delle ipotesi, gli si può provocare la morte.

Il vecchio metodo di acclimatazione dei pesci tropicali d’acqua dolce

Nella maggior parte dei casi, il tuo negozio di pesci locale mette il pesce che avete acquistato in un sacchetto di plastica in modo da poterlo portare a casa. Il “vecchio metodo” consisteva nel far galleggiante questa borsa di plastica nella vasca per dare il tempo al pesce di adattarsi a un cambiamento di temperatura. Molte persone utilizzano ancora oggi questo metodo. Il problema con questo vecchio metodo di acclimatazione è che non fa nulla per acclimatare il pesce con i vari parametri dell’acqua del vostro acquario a parte la temperatura dell’acqua.

Se si sceglie di utilizzare questo metodo, ci si dovrebbe ricordare di spegnere le luci prima di far galleggiare il sacchetto. Questo farà in modo che non si presenti al pesce una temperatura estremamente elevata che potrebbe essere pericolosa o fatale per lui.

Il metodo di acclimatazione a goccia

Moltissimi Guppy in un sacchetto per l'acclimatazione

Moltissimi Guppy in un sacchetto per l’acclimatazione

Il metodo a goccia è il metodo preferito dalla maggior parte degli acquariofili moderni. Non solo permette ai pesci di abituarsi alla temperatura del vostro acquario, ma gli regola anche il pH, la durezza, e numerosi altri parametri dell’acqua. E ‘facile da fare e richiede solo da tra minuti fino ad un’ora a seconda della velocità di gocciolamento. Quando si acquista un pesce dal proprio negozio di animali di fiducia, questo pesce sarà sicuramente messo in un sacchetto di plastica con l’acqua dell’acquario di magazzino.

Il sacchetto viene quindi riempito di aria e legato con un elastico. Se il negoziante non vi fornisce con un sacchetto, portatevene uno con voi. Assicuratevi di ridurre la quantità di stress dei vostri pesci che sono costretti a sopportare. Meglio ancora, se durante il tragitto, il vostro pesce può stare in una zona buia e silenziosa. Una volta arrivati ​​a casa, prendete un secchio di plastica e con attenzione svuotate il contenuto del sacchetto di plastica in esso, sia l’acqua che il pesce ovviamente.

Se non c’è abbastanza acqua nel secchio, inclinate il secchio mettendo qualcosa sotto un lato, così la profondità dell’acqua aumenta. Una volta che il pesce è nel secchio di plastica, il prossimo passo è quello di creare un sifone utilizzando un tubo. Il processo è lo stesso di quando si utilizza un sifone per aspirare la ghiaia in acquario, tranne che si deve avere un meccanismo di controllo del sifone per ridurre la portata, o si può piegare il tubo per controllare il flusso.

Il metodo è bene o male questo, ma di certo, non lo faremo con la benzina ma con l'acqua!

Il metodo è bene o male questo, ma di certo, non lo faremo con la benzina ma con l’acqua!

Inserire l’estremità del tubo in acquario e succhiare l’altra estremità per avviare il sifone, come ad esempio se state “rubando la benzina” da un serbatoio di una macchina. State attenti a non farvi arrivare in bocca l’acqua anche se sarà sicuramente meglio della benzina. Regolate il meccanismo di controllo finché il flusso dell’acqua sarà di circa 4 o 5 gocce al secondo. È possibile aumentare questo tasso leggermente fino a 6 o 7 gocce al secondo. Tutto ciò che rimane da fare per voi una volta che il sifone comincia a far scorrere l’acqua è quello di aspettare. È importante essere pazienti durante questo processo, tuttavia, attendete finché il volume dell’acqua nel secchio sarà almeno raddoppiato. Dopo che il volume dell’acqua nel secchio è raddoppiato, arrestare il sifone e togliete la metà dell’acqua dal secchio.

Quindi avviate il processo da capo. Una volta che il volume dell’acqua nel secchio raddoppia ancora una volta, il pesce viene adeguatamente acclimatato all’acqua del vostro acquario. Questo processo dovrebbe durare da trenta minuti fino ad un’ora. E ‘importante essere pazienti, ma se siete preoccupati per il vostro pesce nel secchio che venga stressato per un’ora, semplicemente aumentate leggermente il tasso di gocciolamento.

Inserire il pesce in acquario

Carassius auratus di spadiOra che il pesce è stato acclimatato alle condizioni riportate nel vostro acquario, è il momento di introdurlo in vasca. Catturate il pesce nel secchio con un retino. Assicuratevi che il retino sia di una dimensione appropriata rispetto al pesce; dovrebbe essere molto più grande del pesce. Una volta che il pesce viene catturato, inseritelo accuratamente in acquario. Non mettere l’acqua del secchio in vasca. La maggior parte dell’acqua proviene dal negozio, se si ha fiducia del vostro negoziante di pesci si può anche inserire in vasca l’acqua ma non si sa nulla di solito sui loro acquari.

Con l’introduzione in acquario dell’acqua del sacchetto, si può introdurre qualche malattia o altre cose indesiderabili. E ‘meglio utilizzare solo quella del nostro acquario. Questo “metodo a goccia” è molto semplice, ma ad alcune persone potrebbe non piacere. Un metodo alternativo e ancor più semplice, è quello di mettere il pesce in un secchio e aggiungere una tazza di acqua del nostro acquario ogni 4 o 5 minuti.

Ripetere fino a quando il volume dell’acqua nel secchio è raddoppiato, scartare la metà del volume di nuovo, e ripetere finché il volume dell’acqua viene nuovamente raddoppiata. Non c’è davvero nessuna differenza tra questo metodo e il “metodo a goccia”, ma alcune persone sembrano preferire aggiungere l’acqua attraverso un misurino piuttosto che far gocciolare l’acqua da un tubo. La scelta è vostra.

Conclusione

Il metodo a goccia di acclimatazione dei pesci tropicali d’acqua dolce non può essere un processo rapido, ma è facile da implementare, ed è il modo migliore per garantire che i pesci siano acclimatati lentamente e correttamente ai parametri dell’acqua dell’acquario. Utilizzando il metodo a goccia ci si assicura che i pesci non siano scioccati quando vengono introdotti nel tuo acquario.

Si potrebbe far galleggiare il sacchetto di plastica sul pelo dell’acqua del nostro acquario per un po ‘per poi versarne il contenuto in vasca, ma, se si passa del tempo nella ricerca di un pesce e gli si fornisce un ambiente adeguato, perché correre il rischio che potrebbe morire se non acclimatato correttamente?

Speriamo che, dopo aver letto questo articolo, si capisca l’importanza di acclimatare lentamente e correttamente i nuovi pesci tropicali per il vostro acquario prima di aggiungerli in vasca. Più è agevole la transizione e l’acclimatazione, più ci saranno possibilità che il vostro pesce stia bene e in salute nel vostro acquario.

Per qualsiasi consiglio o altre informazioni sull’acclimatazione dei pesci in acquario, vi consigliamo di iscrivervi sul nostro forum e di partecipare nella nostra sezione dedicata all’allestire acquari.