Cucina vegana e l’etica a favore degli animali

Questo articolo sulla cucina vegana e l’etica a favore degli animali non vuole assolutamente convertire nessuno a cambiare il suo stile di vita e non vuole farvi cambiare le vostre idee. Vuole solo sensibilizzare su un argomento molto discusso e molto attuale a favore degli animali.

cucina vegana

La situazione degli animali, che si tratti di animali da fattoria, animali da compagnia, animali marini o animali selvatici, è uno dei motivi principali per cui molte persone in tutto il mondo scelgono di mangiare una dieta vegetariana, o dieta vegana. Molte persone hanno a cuore gli animali della terra, ritengono che, gli animali hanno diritti e meritano di essere presi in considerazione, indipendentemente dal fatto che siano utili o meno per gli esseri umani. Se volete documentarvi meglio sulla cucina vegana, vi consigliamo vivamente di visitare questo bellissimo e interessantissimo sito sulla nutrizione superiore dove sono stati presi molti spunti interessantissimi sulla cucina vegana per realizzare questo articolo.

L’etica a favore degli animali

Gli animali non sono nostri da usare per il cibo, abbigliamento, divertimento, sperimentazione, o qualsiasi altro motivo. Con il passaggio a una dieta vegana, le società umane saranno in grado di alleviare le sofferenze inutili e le morti di innumerevoli animali, il danno irreparabile fatto sulla terra come l’inquinamento delle acque e dell’aria, l’erosione delle terre, lo spreco della preziosa energia e la deforestazione.

Benessere degli animali e dei benefici di una dieta vegana

allevamento polliLa moderna agricoltura ad alta produzione detiene comunemente mucche, vitelli, maiali, polli, tacchini, anatre e altri animali in sovraffollati bancarelle, gabbie o capannoni dove sono spesso incapaci di voltarsi o di fare anche un solo passo per tutta la vita. Privati di cure veterinarie, esercizio fisico, luce del sole, e anche della sensazione dell’erba sotto le loro zampe. Questi animali soffrono e muoiono al ritmo di milioni al giorno solo così possiamo avere hamburger, polpette, crocchette e altre fonti di cibo animale. Decidere che cosa mangeremo significa scegliere tra gli orrori degli allevamenti intensivi e sul rispetto per gli animali. Maiali, mucche e polli sono individui con sentimenti, sperimentano l’amore, la felicità, la solitudine e la paura, proprio come cani, gatti, e come le persone. Più di 25 miliardi di animali vengono uccisi per l’industria della carne ogni anno in modi che farebbero inorridire qualsiasi persona compassionevole.

Perché rifiutarsi di essere crudele con gli animali?

Centinaia di migliaia di animali vengono avvelenati, accecati, e uccisi ogni anno per testare shampoo, detergenti per la casa, cosmetici, spray per capelli, e altri prodotti per la cura personale e per la casa. Questi test spesso producono risultati imprecisi o fuorvianti. Anche se un prodotto ha accecato un animale durante i test, può essere comunque commercializzato. L’adozione di una dieta a base vegetale è uno dei più importanti ed efficaci atti che chiunque può adottare per rendere questo mondo un posto migliore.

Una dieta vegetariana riduce la distruzione delle foreste pluviali tropicali, l’habitat della fauna selvatica, e contribuire a salvare le specie in via di estinzione. Le foreste pluviali sono di vitale importanza per la vita sulla terra, regolano il clima globale e del ciclo idrico, assorbono l’anidride carbonica dall’atmosfera e forniscono agli esseri umani medicine, cibo, e molto altro ancora. Purtroppo, le foreste pluviali vengono abbattute per fare spazio per allevare il bestiame.

Nymphaea_lotusDue terzi delle foreste pluviali dell’America Centrale sono stati distrutti, in parte per allevare bestiame la cui carne, tipicamente trovata in hamburger e in carni lavorate, viene esportata per trarre profitto dall’industria alimentare statunitense. Una dieta vegetariana riduce l’inquinamento nella terra e delle acque: Gli allevamenti moderni sono irrorati con diserbanti e pesticidi per far crescere i cereali per nutrire il bestiame. Queste sostanze chimiche distruggono il terriccio provocando seri danni al sottosuolo, ai torrenti e ai fiumi vicini. Un alto contenuto di sostanze chimiche tossiche si trovano spesso nei pesci in molte parti dei laghi del mondo, fiumi e oceani. Una dieta vegetariana riduce la produzione di anidride carbonica (CO2). Una vettura media produce 3 kg di CO2 al giorno, mentre lo sforzo per cancellare la foresta pluviale per la produzione di carne bovina per un hamburger produce 75 kg di CO2. Mangiare un chilo di hamburger fa lo stesso danno come guidare un auto per tre settimane.

Un altro vantaggio di mangiare una dieta vegetariana è che riduce anche l’esaurimento delle vite marine dei nostri oceani e la distruzione dei coralli e delle scogliere. Una dieta vegana riduce gli sprechi e la devastazione delle preziose risorse della terra. Secondo alcuni studi, un acro di terra può produrre fino a 20.000 chili di patate. Quello stesso acro di terra, quando viene utilizzato per far crescere l’alimentazione necessaria per il bestiame, è in grado di produrre meno di 165 chili di carne di vacca commestibile.

Perché una dieta vegana?

Una dieta vegetariana riduce inutili sofferenze e l’uccisione nel mondo di innocenti animali e aumenta la compassione e la sensazione di leggerezza in se stessi a favore degli animali. Si dice che quando una persona mangia un uovo, la sofferenza del pollo viene trasmessa a noi. Non è troppo difficile vedere che chimicamente e biologicamente questo ha senso dal momento che quando un animale è stressato, degli ormoni vengono rilasciati per contribuire ad affrontare questo stress, alcuni dei quali rimangono depositati nel tessuto che consumiamo.

Una dieta vegetariana a base di vegetali è più sana e può prevenire le malattie. Secondo l’American Dietetic Association, i vegetariani hanno un rischio ridotto di malattie cardiache, obesità, cancro del colon e nell’adulto previene l’insorgenza del diabete, osteoporosi, calcoli biliari, calcoli renali, cancro del polmone e il cancro al seno.

Una dieta vegetariana a bassi contenuti di grassi, in combinazione con l’esercizio fisico regolare, aiuta a ridurre la pressione sanguigna ed è in grado di controllare, o addirittura eliminare, il diabete non insulino dipendente.

Uno studio ha riportato che su 88.000 pazienti di un spedale, hanno trovato da coloro che mangiavano carne tutti i giorni, la più alta probabilità di ammalarsi di cancro al colon, in confronto a quelli che hanno evitato la carne.

Tutto il grano coltivato ​​per nutrire il bestiame potrebbe sfamare tutte le persone che muoiono di fame in tutto il mondo.

Mahatma Gandhi

La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui vengono trattati i suoi animali.” – Gandhi, leader spirituale indiano.

Articolo di Filippo Jatta